Idropulsore dentale: come regolare il livello di pressione

Rimuovere i resti di cibo incastrati tra un dente e un altro non è più un’impresa. Da qualche anno in molti stanno sperimentando l’uso di un idropulsore a casa. Questo strumento, prima adoperato soltanto negli studi dentistici, con il suo getto d’acqua assicura un’igiene orale perfetta. Talvolta può capitare che lo spruzzo d’acqua possa essere troppo potente e che si venga a creare un sanguinamento delle gengive. Un copione non nuovo anche quando si fa uso di un filo interdentale. A questo punto non bisogna affatto smettere di usare l’idropulsore ma chiedere un parere al dentista ed utilizzare il dispositivo nel modo giusto. Molto spesso il sanguinamento delle gengive è sintomo di qualcosa che non va. Probabilmente l’idropulsore dentale doveva essere già usato da tempo ma fino ad ora c’è stata poca attenzione nei confronti della salute del nostro cavo orale.

Il livello della pressione

Uno dei primi passi da fare quando si acquista un idropulsore dentale è quello di regolare il livello della pressione. La maggior parte dei modelli presenta tre diverse velocità, dalla più bassa alla più potente. Se si utilizza l’idropulsore per la prima volta, è meglio partire da un livello più basso di pressione. Man mano e con il passare delle volte sarà l’utente a rendersi conto di quando sarà il momento giusto per impostare la massima velocità.

Come usarlo

L’idropulsore va inserito in bocca prima di accenderlo: la punta va indirizzata verso i denti posteriori dell’arcata superiore. Il getto d’acqua andrà a rimuovere tracce di sporco e di cibo in zone in cui lo spazzolino non riesce proprio ad arrivare. La punta del dispositivo deve essere spostata piano piano lungo le gengive in modo che l’acqua (spesso anche con collutorio) arrivi nel posto giusto. Stessa procedura anche per i denti dell’arcata inferiore.

Usare l’idropulsore significa dedicare del tempo alla cura del nostro cavo orale. Non è un’operazione che si può fare in pochi secondi. Per avere un risultato concreto bisogna soffermarsi su ogni dente. Se volete saperne di più su quali prodotti acquistare e sul modo giusto di utilizzarli, vi consigliamo di leggere con attenzione quanto pubblicato su sceltaidropulsore.it.

Altra cosa importante da non trascurare è che l’idropulsore dentale non è il prodotto ideale solo per pulire gli spazi tra un dente e l’altro. Con questo apparecchio è possibile lavare anche la lingua. Tra gli accessori in dotazione ci sarà una punta specifica per la sua pulizia.